Perche' tanti colori

La prima cosa che colpisce chi ha in mano un' opale è il meraviglioso gioco di colori, disegni e riflessi che la gemma emana, un‘armonia che ha una spiegazione scientifica.

Infatti l’opale prezioso è composto da minuscole sfere di silice idrata disposte in maniera ordinata su un piano tridimensionale. Quando la luce bianca incontra le sferule di silice essa viene diffratta in direzioni diverse assumendo i vari colori dell’arcobaleno a seconda delle dimensioni delle sferule. E’ stato riscontrato che se le sferule di silice hanno dimensioni più piccole (pari a circa 0,20 micron) l’osservatore percepisce i colore blu, se le dimensioni invece aumentano allora i colori percepiti dall’occhio umano passano dal verde (circa 0,25 micron) al rosso (circa 0,32 micron).

Il microscopio elettronico mostra le sferule disordinate dell'opale comune senza colori e le sferule ordinate di opale prezioso

L’intensità dei colori e la brillantezza della gemma dipendono invece da un insieme di fattori come la disposizione degli insiemi delle sferule dello stesso colore, il grado di uniformità nella misura delle stesse, e la regolarità della superficie della gemma. Il colore di fondo invece è dovuto a tracce di Ni, Cr, Fe, Mn e inclusioni di altri minerali.